FIDUCIA, SICUREZZA E UNA VOLATA "COMPLESSA": COME JAYCO-ALULA HA CONQUISTATO UNA VITTORIA DI TAPPA AL TOUR DE FRANCE

Dylan Groenewegen ha vissuto anni tumultuosi nello sport. Il corridore olandese sarà sempre ricordato per quell'incidente drammatico al Giro di Polonia quattro anni fa, quando è entrato in collisione con Fabio Jakobsen, che è stato ricoverato in ospedale con ferite gravi, mettendogli seriamente a rischio la vita. Seguì una sospensione dalle gare, e Groenewegen ha mantenuto un profilo relativamente basso da quando è tornato nel gruppo negli ultimi anni. Le apparizioni nei media sono state limitate al minimo anche quando sono arrivati i grandi successi, come la vittoria di tappa al Tour de France nel 2022. Nelle rare interviste che concede, il suo carattere appare sempre tranquillo e riservato. Come ha confermato il suo team Jayco-Alula dopo che il ciclista olandese ha vinto la sesta tappa del Tour de France 2024, Groenewegen è semplicemente interessato a correre al meglio in bicicletta. E a vincere.

"È un ragazzo molto silenzioso e introverso, ed è cresciuto come sprinter nella nostra squadra. Viene  da un anno difficile con la sospensione che ha limitato la sua partecipazione alle gare, ma ha dimostrato quanto vale nel suo primo Tour de France con noi due anni fa e quest'anno ha modificato un po' il suo allenamento per concentrarsi sul suo talento più grande. E questo è il suo talento puro nella velocità", ha dichiarato Matt White, capo della squadra Jayco-Alula, a Rouleur dopo la tappa.

“Dylan ha una personalità complessa. Ha un buon senso dell'umorismo ma può sembrare riservato", ha aggiunto Mat Hayman, ex vincitore della Parigi-Roubaix e attuale direttore sportivo principale per la squadra di Groenewegen. "La sua unica ambizione è vincere. Quando ha le gambe forti e un percorso senza intoppi, riesce a ottenere grandi risultati. Lo sprint di Groenewegen è stato impeccabile dopo un perfetto lavoro di squadra finale da parte della Jayco-Alula. È uscito dalla scia di Arnaud De Lie negli ultimi metri e la sua velocità di arrivo, chiaramente visibile dalle riprese aeree dello sprint, è stata impressionante: in pochi rapidi e potenti colpi di pedale, Groenewegen ha avanzato mentre De Lie retrocedeva. Jasper Philipsen ha attaccato velocemente dal lato opposto per l’Alpecin-Deceuninck, ma il velocista belga non ha calcolato bene il tempo. Si è lanciato troppo presto, mentre Groenewegen ha fatto tutto nel modo giusto, ed è stato adeguatamente premiato.

"Ero davvero deluso ieri perché non mi sentivo bene dopo aver dormito in quota e ho perso un po' di fiducia nel finale, facendo scelte diverse”, ha spiegato Groenewegen dopo la tappa. "La squadra ha fatto davvero bene ieri, ma non ho seguito i ragazzi, è stata colpa mia. Dopo il traguardo ho anche detto loro che la mia velocità era ancora lì, quindi dovevano mantenere la fiducia. Oggi abbiamo fatto un ottimo lavoro tutti insieme, tutti spingevano e alla fine ho ottenuto la vittoria. Quest'anno mi sento più veloce nello sprint".

Il lavoro che Groenewegen elogia dei suoi compagni di squadra è il diretto risultato del rispetto che hanno per lui come sprinter di punta. Il suo uomo chiave per il traino, Luke Durbridge, ha spiegato dopo la tappa che l'etica del lavoro del ciclista olandese è un catalizzatore per il successo della squadra.

"Dylan è fantastico. Ieri ha commesso un errore e se ne è assunti la responsabilità, ha detto che era colpa sua. Come leader è eccezionale, dà sempre il massimo e si impegna in ogni dettaglio, allenandosi duramente, mi piace lavorare con lui”, ha detto Durbidge. "Ha messo in gioco la sua vita in questi sprint per te e tu glielo restituisci, è una buona relazione. Non è molto loquace, non guida il treno ma è il missile nelle retrovie. Io aspetto il mio momento per avanzare e tenerlo nella mia scia. Lo proteggo dal vento, è un po' come una danza e oggi ha funzionato".

È risaputo che i velocisti traggono beneficio dalla fiducia. Sembra che la Jayco-Alula stia attualmente funzionando come una macchina ben oliata - ogni corridore crede nella capacità di Groenewegen di vincere, e questo è stato cruciale per il successo di oggi. Il corridore olandese ha trovato un ambiente favorevole nella squadra australiana.

"E tutti nella squadra lavorano duramente. È come una famiglia. Abbiamo opportunità nella classifica generale, nelle tappe di pianura e di montagna. Ogni giorno abbiamo un piano davvero buono e ci aiutiamo a vicenda. Tutti stanno lavorando al massimo, voglio ringraziare la mia squadra per avermi aiutato oggi", ha detto Groenewegen.

Con una vittoria al Tour già quest'anno, tutto ciò che resta a Groenewegen è continuare a vincere, capitalizzando il successo della sesta tappa. I suoi ultimi anni nello sport possono essere stati pieni di alti e bassi, ma il 31enne sembra essere tornato a brillare negli sprint con la Jayco-Alula. Crede che ci sia ancora molto da fare nelle prossime due settimane del Tour de France.

"È sempre bello vincere al Tour, è la corsa più importante al mondo. Ci sono 21 tappe e cinque o sei possibilità di vincere nelle tappe pianeggianti", ha detto Groenewegen. "Ottenere questa vittoria è stato importante per me e per tutta la squadra. Ora puntiamo alla seconda".

Shop now