Un altro disastro per Jasper: Philipsen deve dare una svolta al suo Tour de France

Il corridore dell'Alpecin-Deceuninck ha avuto un'altra giornata difficile dopo essere stato retrocesso al termine della sesta tappa del Tour de France

Le cose non stanno andando bene per Jasper Philipsen. Il quattro volte vincitore di una tappa del Tour de France dello scorso anno e superstar di Netflix sta attraversando un periodo difficile. La frustrazione di Philipsen alla fine della sesta tappa del Tour di quest'anno era evidente a tutti. I giornalisti si sono affollati intorno al corridore dell'Alpecin-Deceuninck al traguardo di Digione, mentre si accasciava sulla bicicletta pochi minuti dopo aver tagliato il traguardo in seconda posizione, superato da Dylan Groenewegen della Jayco-Alula. Hanno aspettato mentre Philipsen faceva dei lunghi e profondi respiri, aspettandosi un'intervista. Ma dalle labbra sudate del ciclista belga è uscita una sola parola: "F*ck!", ha gridato prima di colpire con frustrazione il cofano dell'auto accanto a lui e di dirigersi rapidamente nella direzione opposta. Jasper Philipsen non sta più vincendo. E questo è un problema.

Due secondi posti in due tappe in volata del Tour de France di quest'anno sono già di per sé frustranti, ma la situazione di Philipsen è peggiorata con il passare del pomeriggio. Una volta che i commissari dell'UCI hanno avuto l'opportunità di rivedere l'arrivo in volata, è stata presa la decisione di retrocedere Philipsen per aver deviato dalla sua linea durante lo sprint, cosa che ha causato la frenata di Wout van Aert della Jumbo-Visma. La retrocessione al 107° posto è una cosa, ma la penalità ancora più grave è che a Philipsen sono stati tolti 13 punti nella competizione per la maglia verde del Tour di quest'anno.

C'è molto lavoro da fare per rimettere le cose a posto.

"Abbiamo ricevuto solo una telefonata dall'UCI con il messaggio che era stato squalificato. Non ci sono stati ulteriori commenti, è stato solo un semplice messaggio. È stato squalificato, leggeremo più tardi il motivo per cui è successo. Fino alla declassificazione eravamo di nuovo molto vicini alla maglia verde e ora è improvvisamente di nuovo lontana. Non è più nelle nostre mani", ha detto il team manager dell'Alpecin-Deceuninck, Christoph Roodhooft, dopo la tappa.

"L'ho visto solo una volta, caricandolo sull'iPad, quindi non avevo un'opinione personale al momento. Jasper è deluso. Era due volte secondo, era tutto ok fino ad ora. Vincere una tappa non è facile e nelle due occasioni che ha avuto non ha fatto male".

Philipsen dovrà ora lavorare duramente per ritrovare la forma vincente e riconquistare la fiducia necessaria per tornare sul gradino più alto del podio. La strada per il successo è sempre piena di ostacoli, ma il talento e la determinazione di Philipsen sono indiscutibili. Resta solo da vedere se riuscirà a superare questa fase difficile e tornare a essere il campione che tutti conoscono.

Foto: ASO/Charly Lopez

La mancanza di vittorie in gara è una cosa, ma la reputazione di Jasper Philipsen nel gruppo viene costantemente danneggiata dalle polemiche che sembrano seguirlo. Nella serie "Tour de France: Unchained" è stato criticato per il suo stile in volata e i corridori del gruppo hanno iniziato a esprimersi contro le sue azioni.

"Non è professionalae. Deve aver sentito che ero accanto a lui. L'ha fatto l'anno scorso al Tour e lo sta facendo di nuovo", ha detto Wout van Aert a Sporza dopo la tappa di ieri. "Sono particolarmente contento di essere rimasto in piedi. Ma se non ci fosse stata una sanzione, questo mi avrebbe fatto arrabbiare. Non dovrebbero buttarlo fuori dal Tour, ma è giusto declassarlo. Ieri si è vista una bravata pazzesca dopo l'altra negli ultimi chilometri. Se non si punisce severamente, tutti penseranno che tutto sia permesso. Questo sta diventando un problema serio".

A poche centinaia di metri da Van Aert che parlava ai media, l'area Alpecin-Deceuninck nel paddock della squadra era animata dal dramma di tutto questo. Sull'autobus della squadra è stato calato il sipario prima che Christoph Roodhooft uscisse per rivolgersi alla folla di persone che aspettava fuori: "È crollato tutto dappertutto", ha dichiarato.

Ma il Tour continuerà, a prescindere dalla delusione dell'Alpecin-Deceuninck. Cercare di concentrarsi dopo una retrocessione è una cosa, ma Philipsen dovrà ora considerare anche le sue azioni nei finali frenetici, quando questo Tour de France continuerà e si presenteranno più opportunità per gli uomini veloci. Lo sprint si basa sull'istinto. Reazioni rapide e decisioni sicure sono cruciali: l'overthinking non è un'opzione.

Si dice che vincere una volata sia una battaglia mentale quanto fisica, e la mentalità di Philipsen sarà stata messa a dura prova dalla tensione della sesta tappa. Tornare da questa situazione sarà una sfida importante per il ventiseienne.

Né Philipsen né il suo team manager, Christoph Roodhooft, saranno contenti di lasciare il Tour de France a mani vuote e il tempo stringe per rimediare: una vittoria di tappa metterebbe a tacere i dubbi e metterebbe fine a tutto il rumore che circonda il velocista belga. Il Tour de France può creare e distruggere i corridori, e sta mettendo alla prova Jasper Philipsen. Solo il tempo dirà se riuscirà a sopportare il caldo.

*Immagine di copertina: Zac Williams/SWpix*

Shop now