"Mi piace avere dolore alle gambe" - Un lupo solitario, la fuga che non arriva e la volata più lento

È stata una tappa strana del Tour de France, con una fuga che non si è formata nonostante le aspettative di fuochi d'artificio.

La pioggia incessante che è caduta sulla Francia centrale in una tipica mattina di luglio ha segnato l'inizio dell'ottava tappa del Tour de France, una tappa che non è andata esattamente secondo i piani. Dopo la prova a cronometro del giorno precedente, le aspettative erano alte per una grande battaglia tra i corridori della fuga del giorno. Gli ingredienti c'erano tutti: la tappa sembrava perfetta per alcuni attaccanti pronti a cogliere le opportunità, pronti a staccarsi dal gruppo, forse più propenso per una giornata più tranquilla. Tuttavia, la realtà si è rivelata ben diversa.

"All'inizio la situazione era abbastanza buona, ma gli altri tre ragazzi non volevano tirare con me, così sono tornati nel gruppo e io mi sono ritrovato da solo", ha spiegato Jonas Abrahamsen di Uno-X-Mobility all'arrivo. Il ciclista norvegese ha trascorso gran parte della tappa di 200 chilometri lottando contro la pioggia e il vento, accumulando punti preziosi per la classifica della maglia a pois e guadagnando molto tempo. Nel frattempo, il gruppo dietro di lui non sembrava interessato a darsi da fare, mantenendo un ritmo costante per ridurre il distacco da Abrahamsen.

"Continuavo a guadagnare punti per la maglia, quindi ne sono stato felice", ha dichiarato il 28enne. "Avrei voluto continuare, ma negli ultimi 15 chilometri ero stremato e il gruppo dietro di me era molto forte. Non avevo mai fatto una tale azione per quattro ore di fila. Alla fine ero esausto, ma se non ci provi, non vinci. Ammetto che adoro sentire il dolore nelle gambe. Come oggi per esempio".

La determinazione e la tenacia di Jonas Abrahamsen hanno brillato in una giornata segnata da condizioni difficili, trasformando la tappa in un'impresa titanica. Anche se non è riuscito a conquistare la vittoria, ha incarnato il vero spirito del ciclismo, affrontando le avversità con coraggio e risolutezza. 

Dopo le gare aggressive e gli attacchi incessanti della Grande Partenza italiana di quest'anno, l'ottava tappa del Tour de France ha offerto un'atmosfera più calma e tranquilla. Forse questa quiete rifletteva la serenità della campagna francese attraversata dalla corsa, ma la realtà è che nella nona tappa è successo poco, a parte la valorosa lotta della Uno-X Mobility per i pois. Il vincitore finale della tappa, Biniam Girmay, ha spiegato che la mancanza di una fuga non è dovuta alla mancanza di tentativi delle squadre, ma piuttosto agli interessi comuni che hanno mantenuto il gruppo compatto.

"Molte squadre hanno dei velocisti e quindi non fanno avanzare i ragazzi, EF e FDJ e le squadre di classifica generale non possono avere un corridore in fuga", ha detto Girmay. "Gli altri ragazzi si stanno risparmiando in vista delle prossime settimane. Fin dall'inizio la tappa è stata molto organizzata, nessuno voleva lasciare andare grandi gruppi, anche in vista di quello che dovremo affrontare domani. Due uomini davanti al massimo andavano bene per la maggior parte delle squadre".

Girmay ha elogiato lo sforzo di Jonas Abrahamsen, ma ha sottolineato come la sua squadra, Intermarché-Wanty, avesse la situazione sotto controllo per tutta la tappa.

"Credo che prima di tutto la squadra avesse un ottimo piano. Questo tipo di arrivo mi piace molto, non abbiamo bisogno di mandare molti corridori in fuga, possiamo controllare il gruppo e la corsa", ha detto Girmay.

La strategia attenta e ben orchestrata della Intermarché-Wanty ha permesso a Girmay di ottenere la vittoria, dimostrando che, nonostante l'apparente tranquillità della tappa, dietro le quinte si stava svolgendo una battaglia tattica precisa e determinata.

"Jonas Abrahamsen è una macchina, ha avuto cinque minuti di vantaggio per un po' e questo ci ha creato un po' di stress. Molte squadre hanno cercato di inseguire perché conoscevamo la sua forza, ma una volta che lo abbiamo ripreso, abbiamo seguito il piano dell'ultimo chilometro e abbiamo fatto un bel lavoro di squadra. Mi sono trovato in una buona posizione e ho dovuto concludere da solo", ha commentato Girmay.

Il modo in cui Girmay ha vinto è rappresentativo dell'intera tappa: uno sprint lungo e in salita, quasi al rallentatore. I corridori hanno lottato per raggiungere il traguardo contro un vento contrario. Il corridore eritreo si è dimostrato un degno vincitore, ma la vittoria è arrivata alla fine di una giornata in cui sembrava che fosse successo ben poco. Lo sforzo di Abrahamsen merita applausi, ma il Tour de France sembra aver raggiunto una fase di stallo.

Domani, però, tutto cambierà. Le strade bianche attendono il gruppo, e lo stress sarà alto in previsione di ciò che lo sterrato porterà. Non ci sarà nessun corridore solitario in testa e nessun corridore rilassato in gruppo. Il Tour si è raffreddato per un po', ma è solo questione di tempo, domani sarà di nuovo fuoco e fiamme.

Shop now