PER QUANTO TEMPO RICHRAD CARAPAZ POTRÀ MANTENERE LA MAGLIA GIALLA?

Il corridore del team EF Education-EasyPost entra nella storia come il primo ecuadoriano a indossare la maglia gialla al Tour de France.

Mentre Biniam Girmay ha fatto scalpore con la sua vittoria nello sprint della terza tappa, non è stata solo l'Eritrea a festeggiare la storia al Tour de France. Richard Carapaz (EF Education-EasyPost) ha preso il comando della classifica generale togliendo la maglia a Tadej Pogačar (UAE Team Emirates) e diventando il primo ecuadoriano a indossare la maglia gialla. Mentre la vicina Colombia ha goduto di successi significativi nella corsa, con diversi corridori a indossare la maglia e la vittoria nel 2019 con Egan Bernal, il resto del Sud America non ha eguagliato tale impresa. Ora, l'Ecuador diventa la seconda nazione del continente a vedere uno dei suoi cittadini vestire la prestigiosa maglia gialla.

Carapaz ha dedicato la sua intera carriera a scrivere la storia per la sua nazione, ottenendo una medaglia d'oro olimpica, la vittoria assoluta in un Grand Tour al Giro d'Italia e un podio al Tour de France. Tuttavia, negli ultimi anni è stato afflitto da problemi fisici che hanno compromesso il suo stato di forma. Fino a poche settimane fa, sembrava improbabile che il 31enne potesse esprimere il suo meglio, dopo essersi ritirato dal Tour de Suisse a causa dell’infortunio conseguente a una caduta.

Sul colle di San Luca, durante la seconda tappa, ha sorpreso tutti riuscendo a stare lì con i favoriti per la maglia gialla. Ha tenuto la ruota di Remco Evenepoel (Soudal-Quick-Step) con tenacia mentre il belga recuperava il distacco su Pogačar e Jonas Vingegaard (Visma-Lease a Bike). Alla fine della giornata, i quattro corridori hanno concluso con lo stesso tempo in classifica generale, e Pogačar (non senza una certa riluttanza) ha indossato la maglia gialla grazie al conteggio dei migliori piazzamenti nelle due tappe.

Sebbene mantenga ancora ambizioni a lungo termine per un piazzamento alto nella classifica generale, Carapaz si distingue dagli altri tre per il fatto che indossare la maglia gialla è di per sé un obiettivo a breve termine. Lui e il suo team EF Education-EasyPost si sono dedicati a conquistarla. Essendo tutti alla pari in classifica, Carapaz doveva solo assicurarsi di finire abbastanza avanti rispetto a Pogačar nel gruppo principale sotto al traguardo. Di conseguenza, i suoi compagni di squadra lo hanno aiutato a restare nel gruppo coinvolto nella volata finale, mentre gli altri tre hanno rallentato e si sono rimasti indietro. Carapaz ha partecipato alla volata piazzandosi quattordicesimo, mentre Ben Healy ha persino sprintato davanti a un rilassato Pogačar per assicurare il risultato, anche se alla fine non era necessario — Carapaz aveva fatto abbastanza per conquistare la maglia gialla.

La domanda ora è per quanto tempo Carapaz riuscirà a mantenere la maglia? È molto improbabile che la conservi dopo la cronometro individuale di venerdì, dato che Pogačar, Vingegaard e Evenepoel sono tutti nettamente superiori a lui nelle prove contro il tempo. Tuttavia, se riuscirà a sopravvivere alla breve visita alle Alpi di oggi, avrà due tappe piatte e tranquille (la quinta e la sesta) per godersi il vantaggio.

Mantenere la maglia al termine di una tappa tanto impegnativa come la quarta, che include il Col du Galibier come ultimo dei tre passi alpini, sarà un compito arduo. "La tappa sarà veramente difficile", ha ammesso Carapaz, "ma faremo del nostro meglio per difendere la maglia gialla". Per riuscirci, Carapaz avrà bisogno di essere in forma e il suo team EF Education-EasyPost dovrà condurre una gara tatticamente intelligente. Da protagonista nel gruppo, sempre pronto ad attaccare e cercare la vittoria nelle fughe, dovranno cambiare strategia e bisognerà controllare la corsa con un approccio più difensivo.

Image by SWPix.com

È nell'interesse della squadra che la tappa sia più tranquilla possibile e la lotta per la classifica generale venga neutralizzata. I margini sono estremamente stretti, con Pogačar, Vingegaard e Evenepoel tutti ancora a pari merito; anche un solo secondo potrebbe essere sufficiente per vedere la maglia gialla cambiare proprietario. Per mantenere la maglia, Carapaz deve arrivare insieme a loro al traguardo e, soprattutto, non può permettere loro di guadagnare nemmeno un secondo di abbuono. Questo potrebbe significare che EF Education-EasyPost permetterà a una fuga di andare via piuttosto che rischiare una volata tra i favoriti della classifica generale, dove gli abbuoni potrebbero fare la differenza — anche se dovranno essere molto cauti nel gestire chi entra nella fuga, evitando qualsiasi minaccia alla maglia gialla.

Il successo di Carapaz potrebbe dipendere soprattutto da cosa Tadej Pogačar intende fare. Il suo correre in attacco è stato evidente nella seconda tappa, quando ha compiuto un’accelerata esplosiva sul colle di San Luca. Carapaz e tutti gli altri pretendenti alla classifica generale probabilmente lo terranno marcato. E se c'è qualcosa che sappiamo di Pogačar, è che ama attaccare.

Ma sarà la facilità con cui Vingegaard ha saputo reagire al suo attacco (e in modo piuttosto inaspettato, considerando le sue incerte condizioni fisiche all'inizio della gara) a scoraggiare lo sloveno dal tentare un altro attacco? Un'azione sul Galibier rappresenterebbe un impegno significativo, dato che segue una discesa di 20 km fino al traguardo a Valloire. Dopo aver speso così tanto nell'edizione dell'anno scorso prima di essere sorpreso dal danese nell'ultima settimana, potrebbe essere più cauto nel rischiare troppo. Possiamo aspettarci che impieghi i suoi compagni di squadra della UAE Team Emirates per impostare un ritmo serrato sul Galibier e mettere alla prova le gambe di Vingegaard, ma un attacco così fulmineo potrebbe non essere così imminente.

 

Foto di James Startt


Considerando la sua performance di domenica, possiamo fidarci che Carapaz sia in grado di reggere qualsiasi ritmo impostato sul Galibier. È stato uno dei soli sette corridori in grado di rimanere nel gruppo dei favoriti guidato da Adam Yates (UAE Team Emirates) sul colle di San Luca, insieme a Pogačar, compagno di squadra di Yates, Vingegaard, il compagno di squadra nella Visma-Lease a Bike di Matteo Jorgensen, Evenepoel, Enric Mas (Movistar) e Max Van Gils (Lotto Dstny). Questo è stato il nostro primo sguardo alla formazione dela gerarchia della classifica generale, con corridori come Primož Roglič e i suoi compagni di squadra del Red Bull-Bora-Hansgrohe Jai Hindley e Aleksandr Vlasov, oltre ad altri contendenti come Simon Yates (Jayco-Alula) e il trio dell'Ineos Grenadiers composto da Carlos Rodríguez, Egan Bernal e Tom Pidcock, tutti rimasti indietro in un gruppo prima di ricompattarsi in discesa.

Prima di trarre conclusioni sulla direzione della classifica generale, è importante ricordare che lil colle di San Luca, sebbene abbia causato distacchi significativi, è lunga solo 2 km. Alla fine, la classifica generale sarà determinata soprattutto sulle lunghe montagne come il Galibier — quindi avremo probabilmente una visione molto più chiara dei corridori che si contendono la classifica generale di quest'anno alla fine della tappa di oggi.

*Immagine di copertina: Zac Williams / Swpix.com

Results powered by FirstCycling.com

Shop now