Gli alti e bassi di Unbound 100

Il ciclista e fotografo americano Adam Kachman ci racconta le gioie e i dolori della gara gravel più dura al mondo

Dopo ottanti chilometri di lotta ad Unbound 100, Adam Kachman ha iniziato a stringere i denti.

Solo quattro settimane prima, aveva partecipato alla Cascadia Super Gravel, una gara di 160 chilometri con 4.200 metri di dislivello a Olympia, nello stato di Washington. Doveva essere l'ultimo evento di rifinitura prima di Unbound, ma si è trasformato nella sfida più dura. E quella che ha complicato il suo percorso nella gara gravel più famosa al mondo.

La pioggia e il freddo a Cascadia avevano spinto Kachman ai suoi limiti e con le mani congelate, il ciclista e fotografo americano è caduto a terra su un tratto di rocce scivolose. E si è rialzato da terra con una clavicola slogata.
Qualche settimana dopo, a Unbound, non c'è stato molto da fare: il dolore lo ha raggiunto piano piano nel e a quel punto anche la sua testa ha iniziato a cedere, lentamente ma inesorabilmente.

Related – Pachamama: Gravel riding with Mother Nature at its heart

Un giorno rovente a Emporia

La giornata di gara a Emporia, Kansas, era calda e soleggiata. Con temperature elevate e attorno ai 3°C , i partecipanti hanno dovuto prestare la massima attenzione ai loro livelli di idratazione, così come alla motivazione per continuare nonostante il caldo.

Unbound è un evento che cambia completamente Emporia, una piccola cittadina dal ritmo lento. Quando arriva Unbound l'intera comunità si riunisce per celebrare una gara che, negli ultimi 15 anni, ha plasmato la sua identità.

"Dopo appena due dall'arrivo Emporia, ero seduto a tavola con i fondatori e alcune delle leggende della corsa. Così ho avuto un'introduzione veloce e mi sono sentito come se già conoscessi la gara", dice Kachman.

Related: Rouleur Explore. Guadarrama, geology of gravel in the heart of Spain.

Kachman conosceva Unbound perché la sua compagna di squadra alla Easton Overland, Amity Rockwell, l'ha vinta nel 2019 (ed è arrivata seconda nel 2021). Ma ad Unbound non importa quanto ti sei preparato. Devi essere pronto per l'imprevisto. E in una gara, se vuoi spingere forte, devi essere al 100%.

Con un inizio di giornata veloce, una foratura e poi l'inseguimento al gruppo di testa, la fatica e il degrado fisico hanno iniziato ad accumularsi nei muscoli di Kachman.

"All'inizio non volevo capacitarmene", confessa. "Sai, ti stai salendo su questa strada sterrata. E sì, fa caldo e sei stanco. Ma sei anche carico di entusiasmo".

Kachman corre con la Orbea Terra

Follow Pachamama on Instagram

Un inseguimento disperato, e il succo dei cetrioli sottaceto

E l'emozione della gara non è stata sufficiente a placare il dolore. Dopo aver pedalato nel primo gruppo per 80 chilometri, Kachman ha forato sulle rocce notoriamente taglienti delle Flint Hills. In una disperato inseguimento al gruppo che aveva appena perso, Kachman ha spinto un po' troppo forte, e le cose hanno iniziato a complicarsi. "La mia caparbietà mi ha spinto a rincorrere e a chiedere al mio corpo un po' troppo. Dopo quel tentativo, per me era game over", dice.

Le ultime 65 chilometri di Unbound sono stati di agonia pura. Non riuscendo a fare alcuna pressione sul braccio sinistro, Kachman ha pedalato tenendo il manubrio con una sola mano per il resto della corsa. Disidratato e colpito dai crampi, ha riempito una delle sue bottiglie d'acqua con il succo di sottaceti e ha si è idratato con quello per l'ultima frazione.

"Quelle ore a cercare di rimanere in una posizione eretta, e poi realizzare che c'era una possibilità concreta di non finire la corsa, sono state qualcosa contro cui ho lottato mentalmente. Il succo di sottaceti è stato un atto di disperazione - ma ha funzionato", ricorda.

Rocce affilate e strategie mentali 

Kachman è abituato a stare in sella per molte ore, anche su sterrato. Nato a Detroit nel 1989, si è trasferito a Portland, Oregon, nel 2010 e ha iniziato a correre nel ciclocross a partire dal 2012. Mentre nel 2016 ha iniziato a pedalare a lungo, molto a lungo. Con un paio di amici, ha completato la Rapha Festive 500 in una tirata unica e ora è diventata una tradizione che rispettano ogni anno. Durante queste uscite, spesso pedalalo per 26-28 ore senza fermarsi. E a causa della mancanza di sonno e dell'esaurimento fisico, più volte ha anche avuto allucinazioni lungo la strada.

Ma le Flint Hills - dove Unbound è nata nel 2006 - non hanno paragoni. Le rocce sono taglienti e le radici profonde, e anche solo un po' di pressione in più nei pneumatici può rendere reale il peggiore degli incubi per un ciclista.

"Ci sono due parti in questa gara. C'è l'asfalto in città e poi lci sono le Flint Hills. La prima parte è di sterrato ed erba, un un doppio binario da fattoria rurale. Questa è la parte più sicura del percorso. Tutto il resto è su rocce grandi e appuntite", dice.

Kachman ha fatto l'errore di tenere i PSI dei pneumatici un po' troppo alti (42+) invece di optare per un "approccio da ciclocross". Una volta imparata la lezione nel modo peggiore, cioè di gonfiare il suo pneumatico a 30 PSI, era troppo tardi e il traguardo ancora molto lontano. In quei momenti, l'unica cosa che poteva fare era spingere e cercare di concentrarsi sulle cose che doveva continuare a fare: pedalare, mangiare e bere. Ma allo stesso tempo non poteva nemmeno concentrarsi troppo - doveva anche elaborare strategie psicologiche per spingere la mente, oltreché le gambe.

"Ho pensato a tutte le altre gare e uscite che ho fatto in bici e che sono state peggiori o simili. Mi sono ricordato che tutto questo, il disagio, il dolore, la sofferenza, sono solo degli stati temporanei", dice.

Related – The 8 Best Sportives in 2022

Lacrime di gioia

Kachman ha messo gli abiti dell'allenatore mentale per il resto della corsa. Ha continuato a incoraggiarsi e a motivarsi. Ha pensato alla distanza che rimaneva da percorrere, l'ha divisa in pezzi più piccoli, l'ha tradotta in tempi parziali e ha stretto i denti. Quando ha tagliato il traguardo, 7 ore e 12 minuti dopo aver iniziato Unbound (90° su 649 partecipanti), si è sentito sollevato e orgoglioso. E ha pianto lacrime di gioia.

"È un orgoglio umile perché ce l'ho fatta", dice. "È stato difficile perché non stavo solo correndo e cercando di fare una cosa, ma stavo combattendo quest'altra cosa - l'infortunio".

Correre con un infortunio ha indubbiamente cambiato la sua esperienza con Unbound. Ed è per questo che si è già iscritto all'edizione del 2022.

Anche se adesso è pronto all'imprevisto, sa per certo che Unbound sarà comunque un'altra grande giornata in bicicletta. Gonfierà le gomme a un PSI più basso, e forse lascerà perdere il succo dei sottaceti.

Follow Pachamama on Instagram