Posso diventare un ciclista professionista?

Abbiamo provato il test di BORA-hansgrohe per scovare nuovi talenti e vedere la differenza tra amatori e professionisti

Quattro minuti e 31 secondi, 32, 33. Continuo a fissare il computer sul manubrio. Il tempo passa lentamente, mentre la mia frequenza cardiaca è già alta. Molto alta. 172 battiti al minuto e continua a crescere.  

Non sono nemmeno a metà del primo intervallo a soglia di otto minuti, ma probabilmente ho già esagerato. Ora sto lottando e sudando come un matto. La temperatura della stanza è di circa 20°C e — nonostante il ventilatore al massimo e una finestra aperta — mi sembra di pedalare in una sauna. Stringo i denti e continuo a spingere, anche perché dopo questo intervallo ne ho ancora due da 10 e 3 minuti, sempre da fare al massimo. Devo concentrarmi e continuare a spingere.

COSA STO FACENDO?

Foto: Getty Images.

Un paio di settimane fa, ho notato l’opzione "Scouting" sul sito web della BORA-Hansgrohe, con la descrizione di un test per scovare giovani talenti. E dato che non mi dispiace il loro nuovo completo, ho pensato di tentare la fortuna. Sicuramente non tirerò mai la volata a Sam Bennett, né accompagnerò Wilco Kelderman su una lunga salita ma, fisiologicamente, volevo sapere esattamente il perché. Anche perché non mi dispiace soffrire un po' per trovare queste risposte.

Il test

Foto: Getty Images.

Come spesso accade con i test più brutali, la descrizione del test BORA è di soli 10 punti. Una piccola trappola insomma. Intendiamoci, si tratta comunque di una sessione di due ore da effettuare sul turbo o sui rulli, quindi non proprio una passeggiata nel parco. Nel mio caso, ho anche ho dovuto ridurre il tempo degli intervalli di riposo — e la cosa probabilmente non ha giocato a mio vantaggio (o almeno, così voglio credere). E, per altri impegni in bicicletta, non ho potuto prendere il giorno di scarico prima del test, altra scusa per risultati non proprio brillanti. In soldoni, il test è il seguente:

30 minuti di riscaldamento 

2 x 10 sec sprint con 15 minuti facili in mezzo

20 minuti facili

30 sec tutto fuori (massima potenza media)

15 minuti facili

8 minuti @ FTP (soglia anaerobica, a sensazione)

10 minuti facili

10 minuti a massima potenza media

15 minuti facili

3 minuti a massima potenza media (puoi fare uno sprint negli ultimi 30 secondi)

Resto della sessione facile

È anche importante ricordare che il mattino prima del test bisogna pesarsi e mangiare come si farebbe prima di una gara (non eliminare i carboidrati!). Poi bisogna calibrare il proprio misuratore di potenza e assicurarsi che il cardio-frequenzimetro funzioni e che le batterie siano cariche. Il test può essere eseguito su un turbo trainer o all'aperto su una salita del 6-8%.

I risultati

Foto: Getty Images.

Una volta terminato il testo, ho inviato i risultati a Dan Lorang, Direttore Performance e Innovazione di BORA-Hansgrohe. E la conclusione è stata una doccia fredda. Ma quello me lo aspettavo.
 
"Con una VO2max di 47,5 mmol/min/kg, sei molto lontano dal livello dei professionisti", ha scritto Lorang. "In questi test, ci aspettiamo valori che siano almeno 70 mmol/min/kg e superiori [fino a 90]. Solo questi valori permettono di fare il passo verso il ciclismo professionistico".
 
Anche la mia potenza di soglia è bassa (3,2 W/kg), mentre di norma i valori a cui sono abituati si aggirano attorno ai 4,9W/kg. Però non tutto era da buttare. "Con il basso tasso di accumulo di lattato di 0,2 mmol/l/s, probabilmente sei in grado di mantenere un'intensità di soglia per molto tempo", ha aggiunto Lorang. "La tua forza è negli sforzi costanti come quelli che trovi nelle lunghe prove a cronometro individuali o nelle salite più lunghe, per esempio".

Dan Lorang, Direttore Performance e Innovazione di BORA-hansgrohe. Foto: BORA-hansgrohe/Lukgood Studio 

E la sua spiegazione ha senso visto il mio background nel triathlon di lunga distanza. E anche per Lorang — che oltre a BORA-Hansgrohe allena anche i campioni del mondo di Ironman Jan Frodeno e Anne Haug, e di 70.3 Lucy Charles-Barclay — il valore dei risultati rispecchia la tipologia di allenamenti che faccio di solito. Ma la buona notizia vale solo per i miei obiettivi nel triathlon, mentre per migliorare nel ciclismo dovrei migliore sotto molti aspetti.

Cosa migliorare

Dan Lorang e Lennard Kämna durante il training camp a Mallorca. Foto: BORA-hansgrohe/Veloimages.

La prima cosa che Lorang mi ha suggerito di migliorare è stata la mia VO2max attuale. Tuttavia, ha chiarito che non potrò mai colmare il gap per diventare professionista (e anche questo lo sapevo). E questo nemmeno se fossi ancora un giovane in erba; la mia VO2max è semplicemente troppo bassa. 

"L'allenamento della VO2max è abbastanza noto", ha aggiunto Lorang. "Da un lato, puoi aumentare il volume dei tuoi allenamenti. Dall'altro lato, invece, puoi lavorare sulla zona VO2max facendo degli intervalli a quelle intensità. Puoi iniziare con 30/30 [30 sec a intensità VO2max, 30 sec facili] e poi passare a 3/4/5mins a VO2max. Questo aumenterebbe la tua VO2max e porterebbe anche a un migliore livello di prestazioni e di metabolismo dei grassi".

Ma anche l’altro valore, il tasso massimo di produzione di lattato nei miei muscoli (VLamax), dovrebbe essere più alto per essere decente nel ciclismo su strada. "Il tuo è molto, molto basso — che è buono per la preparazione agli allenamento Ironman — ma per il ciclismo, cercheremmo di lavorare sul tuo sistema anaerobico per renderlo più potente. Quindi, per questo, eviteremmo di fare sessioni senza scorte di carboidrati e faremmo ogni allenamento con scorte di carboidrati piene". 

Le altre aree che potrei migliorare sarebbero il peso corporeo e la composizione corporea. Ma Lorang è chiaro che questi sarebbero soltanto ottimizzazioni, e non cambierebbero sostanzialmente il risultato della mia fisiologia 

Ma è solo una questione di numeri?

Nils Politt al Tour de France 2021. Foto: Emma Wilcock/SWpix.com.

Naturalmente, se un atleta esegue questo test e ha numeri migliori dei miei, c'è sempre spazio per nuovi talenti a BORA. "Non direi che usiamo solo le metriche fisiologiche di un atleta come la VO2max per scegliere nuovi corridori", ha detto Lorang. "Ma sappiamo che è necessario un certo potenziale per avere successo a livello WorldTour".

Se i miei numeri fossero stati più a mio favore (cioè migliori), Lorang avrebbe guardato i miei risultati nelle gare passate, i dati di allenamento e poi — forse — avremmo organizzato una chiamata per approfondire altri aspetti psicologici e comportamentali. È anche importante capire se un corridore è adatto o meno alla cultura della squadra tedesca.

Accesso alla BORA-Hansgrohe

Lukas Postlberger al Dauphiné 2021. Foto: CorVos/SWpix.

BORA utilizza questa tipologia di test da quattro anni e ogni corridore che si unisce alla loro squadra — o che vorrebbe farlo — deve passare sotto le Forche Caudine delle due ore di dolore. Il test dà anche importanti numeri per confrontare tra di loro i diversi corridori e capire la loro fisiologia rispetto al resto del gruppo.

Qualcosa che già sanno, però, è che i corridori preferiscono eseguire il test all’aria aperta, e per questo motivo il protocollo può essere eseguito su una salita. "All'aperto è più realistico", ha detto Lorang. "Il primo intervallo è un intervallo di soglia dove si può ottenere una certa calibrazione sulla sensazione del corpo. Poi abbiamo un test di potenza media massima sui 10 e 3 minuti, e questi numeri danno un'idea sulla soglia e la VO2max. Da questi due, possiamo poi calcolare la VLamax".

Dopo il test, i tecnici BORA confrontano poi i risultati con altri test di laboratorio e di lattato del corridore per avere conferme o ulteriori delucidazioni. 

Quest'anno non tirerò ancora le volate a Bennet. Ma chissà, magari il prossimo anno? Foto: Getty Images.

E anche se nessuno degli attuali corridori BORA proviene dalla pagina di scouting online, uno di loro, lo specialista della pista danese Frederick Wandahl, ha eseguito il test durante il processo di reclutamento. E i suoi risultati sono stati un elemento molto importante per il suo ingaggio.

L'obiettivo della pagina scouting di BORA, ha concluso Lorang, è quello di trovare un “atleta eccezionale. Ci vuole molto lavoro per trovarne uno. Ma se hai un buon sistema in atto puoi aumentare le possibilità di trovarlo".

E anche se non farò parte della BORA nel 2022, almeno adesso so il perché. Ma se pensi di avere qualche possibilità in più di me, puoi candidarti e tentare la sorte vistando la loro pagina. Buona fortuna!

Immagine di apertura di Michael Steele/Getty Images